Da 2 a 3 anni

A 2 anni molte tappe motorie grossolane sono state raggiunte.

Si possono ulteriormente stimolare, in particolare l’abilità del salto, ancora in evoluzione, con un semplice set di cerchi di piccola dimensione, oppure il triciclo per la pedalata, o la bici senza pedali per la spinta e l’equilibrio.

Dal punto di vista più fino-motorio, ci sono molte possibilità.

Per la “pinza pollice indice” un vero  e proprio must sono gli incastri a piolo: un pochino più grande per i 2 anni, per arrivare lungo il terzo anno di vita agli incastri a piolo piccolo.

A me piace molto anche l’uso della pinza come strumento: oltre a fornire quella della cucina, esistono dei giochi pensati apposta, come il gioco dell’ape.

Altro tipo di strumento è la canna da pesca in legno, nella versione con l’amo grande.

Le costruzioni possono continuare a trovare un loro spazio, sempre con la linea tipo Duplo o simili, con le costruzioni morbide, in schiuma, o in legno, ma esistono anche altri tipi ancora di costruzioni, per esempio a pettine.

Per continuare a sostenere anche lo sviluppo cognitivo, proseguire con tutti i giochi di associazione di colore e forma, es. 1, 2 o 3 (per recuperare altri miei consigli, torna nella fascia di età dai 12 ai 24 mesi) ma si può ampliare anche ad altri tipi di associazione, ora anche più logiche:

Trovo davvero molto carino il gioco del Nascondi e trova .

Inoltre ormai, attraverso forme basilari di puzzle, in legno o in tessere con pochi pezzi…esistono molte possibilità educative. Una delle linee che prediligo è ad esempio quella della Headu.

I temi a questa età riguardano gli animali e le loro correlazioni (in relazione all’habitat, ai cuccioli o al cibo) , la propria casa, gli ambiente, gli oggetti ad uso frequente….

Esistono anche dei “cofanetti” montessoriani, che contengono carte molto belle e ben raffigurate,  spesso anche tattili. es. 1, 2, 3, 4, 5.

Per concludere questa tappa di età non dimentichiamoci del gioco simbolico, pietra miliare dello sviluppo del gioco: dunque via libera a cucine, banco degli attrezzi, travestimenti (cappelli o indumenti vari di riciclo o di carnevale, maschere…), pentolini, animali giocattolo (sia “buoni”…e feroci…animali della fattoria, della savana, del mare, dinosauri…), personaggi eroici e personaggi cattivi, macchinine e mezzi di emergenza (ambulanza, camion dei pompieri, polizia…), casette delle bambole (è un gioco unisex!!), caserma dei pompieri e cosi via. Ma non dimentichiamoci che con la fantasia, è sufficiente qualunque cosa presente in casa!!!

Lettura

Da questa età la libreria potrebbe e dovrebbe già straripare!

In questo periodo, largo spazio a tutti i temi di conoscenza di animali, ambienti e situazioni, ad esempio 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11 , 12 , 13 , 14 , 15, 16 e cosi via…

Tra le situazioni , in particolare sottolineo quelle che riguardano il loro corpo e le azioni correlate.

  • la Nanna: 1, 2, 3, 4, 5, 6
  • la Pappa e lo stare a Tavola 123, 4, 5
  • il Corpo e il Vestirsi: 1234, 5, 6 , 7 , 8, 9

Investirei anche sui libri con possibilità di interazione e scambio comunicativo col proprio bambino. Quelli che adoro, personalmente, sono quelli di Herve Tullet, es. 1, 2, 3, 4, 5

Dal mondo della logopedia apprendiamo inoltre l’importanza a questa età dei libri con una struttura ripetitiva: 1, 2, 3, 4, 5

Di altri libri vari, belli e ben fatti, suggerisco 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11…e la lista potrebbe continuare ancora a lungo!

Infine, quest’ annata può facilmente caratterizzarsi per tanti piccoli passaggi della vita, e io credo che il miglior modo per accompagnare un bambino a questi passaggi, sia anche attraverso libri che facilitino l’elaborazione.

Tematiche calde sono quelle…

  • del Nido12
  • del Ciuccio (sia relativa alla fase di utilizzo es. 1 e 2 sia relativa all’abbandono consapevole – scelta che assolutamente prediligo rispetto alla sparizione coatta e imprevista! es. 1, 2, 3, 4 e 5 – quest’ultimo scritto da una Logopedista),
  • del  Vasino: 1, 2, 3, 4
  • del futuro ingresso alla Materna: 1 , 2 , 3 e 4 (non preparateli troppo presto, mi raccomando, non prima della fine del nido),
  • delle Regole sociali e di convivenza pacifica: 1, 2 e 3,
  • delle prime Abitudini consapevoli: 1, 2, 3, 4 , 5,
  • dell’ arrivo eventuale del Fratellino o della Sorellina: 1, 2, 3, 4 , 5, 6, 7, 8.
  • il tema del NO! 1, 2 e 3, e dei Capricci : 4 e 5,  (per questo che vengono chiamati i “terrible twos”…)
  • delle Emozioni (tutte!) : 6, 7, 8, 9, 10 e quindi dei personaggi da affrontare, uno su tutti il fantomatico Lupo: 11.

VUOI APPROFONDIRE LE TUE CONOSCENZE SULLO SVILUPPO DEL BAMBINO ?

VUOI SAPERNE DI PIU’ A PROPOSITO DEI TERRIBLE TWOS?

Clicca subito qui!